Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

(Sri Arunachala Mahatma)1

Nandi 2 disse:

Questo è il santo luogo! Di tutti Arunachala è il più sacro!

E’ il cuore del mondo! 

Conoscilo come segreto e sacro Cuore-centro di Siva!

Egli dimora sempre in quel luogo come il Glorioso Colle Aruna!

Quel giorno in cui l’antico e meraviglioso linga di Arunachala si manifestò è l’asterismo di Ardra nel mese (Tamil) di Mrigasira.

E il giorno in cui Visnu e gli altri dei veneravano il Supremo che emergeva dall’effulgenza è il giorno del ‘Maha Sivaratri.’

 

 Siva disse: 

Anche se di fuoco, la mia scialba apparenza come colle in questo luogo è un atto di grazia e amorosa attenzione per il mantenimento del mondo.

Qui dimoro sempre come il Siddha.

Ricorda, che l’interno del mio Cuore è gloria trascendentale, e le molte caverne sono piene di ogni sorta di godimento.

Poiché essi legano gli esseri al mondo, sappi che l’implacabile karma diventa la schiavitù dei jiva.

L’effulgente Arunachala è questa (montagna), la cui semplice vista rende immortali.

Quello che non può essere acquisito senza pene infinite – il vero significato del Vedanta (la realizzazione del Sé) – può essere ottenuto da coloro che possono qui vederla, o finanche pensarla da lontano.

 

[1] Estratti dallo Skanda Purana tradotti in Tamil da Sri Bhagavan.

[2] Nandi è il primo devoto di Siva, resta sempre di fronte a lui.