Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

user_mobilelogo

Due preziosi sutra scritti da Sri Ramana sulla Celebrazione del Compleanno.

Verses on the Celebration of Bhagavan's Birthday

Bhagavan was born on December 30, 1879. His birthday, however, is observed according to the Tamil calendar in dhanurmasa when the moon is with the star Punarvasu. According to the Western calendar this day falls in the months of December-January. When it was first proposed in 1912, Bhagavan expressed his objection in the form of the following two verses. Even so, his disciples were not deterred and the Jayanti day festival continues to be one of the great annual events at the Ashram.

1. You who wish to celebrate a birthday, inquire first who was born. One's true birthday is when one enters into the Eternal Being which shines forever without birth or death.

2. Of all days on one's birthday one should mourn one's fall (into samsara). To celebrate it as a festival is like adorning and glorifying a corpse. To seek one's Self and merge in it is wisdom.

(From: "Collected Works of Ramana Maharshi")

***
Sutra sulla Celebrazione del Compleanno di Bhagavan.

Bhagavan nacque il 30 Dicembre 1879. Il suo compleanno, tuttavia, è celebrato secondo il calendario Tamil in dhanurmasa, quando la Luna si trova nella stella Punarvasu. Secondo il calendario Occidentale, questo giorno cade nei mesi di Dicembre-Gennaio. Quando la celebrazione fu proposta per la prima volta nel 1912, Bhagavan espresse il suo diniego con i due sutra presentati qui di seguito. Malgrado ciò, i suoi discepoli non furono dissuasi e il “Jayanti day festival” continua ad essere uno dei grandi eventi annuali dell’asramam.

1. Tu che desideri celebrare un compleanno, chiediti per prima cosa chi è nato. Il vero compleanno di ognuno di noi avviene quando si raggiunge l’Essere Eterno, che splende perennemente senza nascita o morte.

2. Di tutti i giorni, in quello del proprio compleanno ci si dovrebbe affliggere per la propria caduta (nel samsara). Celebrarlo come un giorno di festa, equivale ad onorare e glorificare un cadavere. Cercare il proprio Sé e fondersi in esso, è saggezza.

***

Jai, Bhagavan Ramana Maharshi!

Vidya Bharata – mailing list