Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

user_mobilelogo

 


Era l’Ardra Darshan, quel giorno si commemorava l'evento in cui Siva mostrò la sua ananda tandava (danza della beatitudine) a Patanjali e ad altri a Chidambaram per adempiere alla promessa fatta a Adisesha nella foresta di Daruka.

Nel villaggio di Tiruchuzhi, Bhoominatheswara (altro nome di Shiva) con la sua consorte Sahayamba, rientrava nel tempio dopo essere stato portato in processione per tutte le strade del villaggio benedicendo i suoi devoti. A nord-est del tempio c’era la casa (1) di Sundaram Iyer, la cui moglie Alagamma aveva le doglie per il parto del suo terzo bambino. La statua di Shiva rientrava nel tempio proprio mentre il piccolo Venkataraman veniva al mondo.

Era il 29 dicembre del 1879, ben oltre la mezzanotte, quindi il 30 di dicembre. La luna era nella costellazione di Punarvasu, un momento molto favorevole; la mezzanotte e il solstizio d'inverno rappresentano il momento in cui il sole inizia a riportate la luce al mondo.

Lakshmi Ammal, la madre di Sundaram Iyer ed un anziana signora dalla vista debole, la vicina di casa, erano nella stanza. Lakshmi Ammal rimase delusa dell'arrivo di un altro maschietto e se ne stava lamentando con la vicina che le disse: quale è il motivo di tale delusione? e Lakshmi Ammal le rispose: “Sai  bene che mia figlia Lakshmi non c’e più e che suo figlio Ramaswami sta diventando grande. Nella famiglia di mio fratello, la primogenita fu una bambina che poi morì, il secondogenito è Nagaswami e adesso nuovamente un maschio, quindi mi lamento perchè se fosse stata una bambina avremmo potuto maritarla con il figlio di mia figlia. Che possibilità abbiamo ora per continuare il legame famigliare? Questo è il mio destino!” L’anziana signora prima la rimproverò e poi la consolò: “basta così! calmati. Il bambino è adorabile. È avvolto in una grande luce, non vedi che egli è un avatar? Come puoi piangere?"

Come poteva saperlo quella signora dalla vista debole? Secondo il calendario solare era il sedicesimo giorno di Margazhi dell’anno Pramadi. Secondo il calendario lunare era Pramadi, Margaseersha, Krishna paksha (quindicina oscura, luna nuova) secondo giorno, 19ma notte, 1/2 ghadis, Tula lagna.

 

1La casa è  sotto la direzione dello Sri Ramanasramam ed è conosciuta come Sundara Mandiram. Ogni giorno vi si celebra la puja. E' aperta tutti i giorni ed è luogo di pellegrinaggio per i devoti.