Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

user_mobilelogo

Ramanasram

L'istituzione che si formò intorno a lui e che volle guidata dai suoi familiari.

Maganlal L. Bhatt, 82 anni, è oltrepassato in pace Martedì, 16 Luglio nella casa di suo figlio a Parlin, New Jersey.

M. L. Bhatt è stato un uomo fattosi da sé, nato a Babra, Gujarat. Ha viaggiato a lungo attraverso l’India, con diversi incarichi professionali. Mentre si trovava a Bombay nel 1946, si è unito alle Golden Jubilee Celebrations di Sri Ramana Maharshi, ed è stato allora che il seme di 'Ramana' si è piantato in lui. La sua crescita spirituale è stata lenta fino al 1952, quando la sua devozione per il suo Guru e per Dio è sbocciata ed ha consumato tutto il resto. Ha avuto quattro figli (Chhaya, Maya, Geeta, e Virat), e tutti hanno seguito il suo buon esempio e sono diventati devoti del Bhagavan.

Il 12 maggio 1991, presso l’ Arunachala Ashram di New York, è stato celebrato il quarantunesimo anniversario della morte del Maharshi. Geeta Bhatt ci ha inviato questo partecipe diario delle attività della giornata. La fausta domenica è iniziata con un cielo terso e temperature estive. Arunachala Bhakta Bhagawat, Margo Martin, Eric Ford, Arthur Coucouvitis, Kanakamma e la sua famiglia da Filadelfia si sono riuniti per i Veda Parayana del mattino nella stanza dell’altare. Alla recitazione dei Veda è seguito il canto di Sri Lalita Sahasranama Stotram.

La presenza di Kanakamma, per lungo tempo residente presso lo Sri Ramanasramam, a Tiruvannamalai, la cui visita negli Stati Uniti con un weekend a New York coincidevano con le celebrazioni, ha aggiunto speciale fervore ad un giorno solenne.

Nel Febbraio 1990 tutti i vecchi filmati dello Sri Ramanasramam sono stati portati a New York per il restauro, la conservazione e la ristampa. La John e Allen Inc., la più grande società di restauro cinematografico della East Coast, è stata incaricata di questo progetto. Le pellicole guaste, fragili e deteriorate sono state sottoposte a un processo brevettato di 'Ridimensionamento’ e rese in grado di passare attraverso le sensibili stampanti. Mentre il lavoro procede e i filmati in 35mm, 16mm e 8mm sono attentamente esaminati, alcune nuove immagini stanno venendo alla luce. Vengono riesumati frammenti di grande valore e aumentano le immagini di filmati già noti. Alcuni filmati sono cinegiornali del governo indiano con l’aggiunta della voce di un commentatore e musica in sottofondo.

Il cinquantaduesimo Aradhana del Maharshi è stato celebrato dall’asram  Arunachala nella Sala della Comunità del tempio di Ganesha nel Queens, a New York, domenica 14 aprile 2002. Sono stati presenti molti devoti, per la maggior parte provenienti dalla regione dei tre stati.

Il programma è iniziato con la recitazione del "Marital Garland of Letters." Per felice coincidenza, questa recitazione ha coinciso esattamente con la data (14 Aprile) e l’ora (8:47 P.M., IST) in cui il Maharshi esalò l’ultimo respiro cinquantadue anni fa. Tutti si sono sconcertati alla notizia. Inoltre, i devoti allo Sri Ramanasramam stavano recitando lo stesso poema allo stesso preciso istante, cosa che ci ha unito tutti insieme nella ghirlanda della Presenza del Bhagavan.

I seguenti due minuti del filmato a 16mm sono una continuazione del film del 1938 di cui si è parlato nello scorso numero, girato da Jayadevlal Dave. Inizia con l’inquadratura della sala da pranzo di recente costruzione, ripresa dalla collina, da un centinaio di metri d’altezza. Questa cucina combinata con la sala da pranzo, costruita con pietre locali e materiali d’alta qualità, era la più ampia costruzione dello Sri Ramanasramam a quell’epoca – certo, alcuni scettici credevano fosse ingiustificatamente grande. Ma, in realtà, si trattava di un’impresa previdente, verso la quale Jayadevlal Dave dev’essere stato spinto a fissare la sua telecamera con  risultati significativi.